Home > Napoli > Anarchia Partenopea

Anarchia Partenopea

6 maggio 2007

Sono le 4.15 del mattino ed invece di andare a dormire sono qui ad esprimere lo sdegno che questa sera ho provato in giro per la città. Tornando da una pizza con amici nel cuore di Napoli, mi sono ritrovato a passare per il Corso Garibaldi. Quel che ho visto rasenta l'inverosimile. Ho capito che l'ararchia totale esiste e che le forze dell'ordine possono fare davvero poco.

Corso Garibaldi Napoli

Corso Garibaldi è una strada del centro di Napoli che porta da Piazza Carlo III fino a Piazza Garibaldi (Stazione Centrale). In questo tratto di strada di poche centinaia di metri che ho percorso in circa 1 ora, ho assistito a quella che potrei definire "anarchia pura".

La scena che si presenta davanti agli occhi è la seguente: tante, tantissime macchine incolonnate e decine, centinaia di motorini che sfrecciano in tutte le direzioni. motorini con uno, due, tre ma anche quattro ragazzini o ragazzine senza casco. Motociclette di grossa cilindrata in mano a ragazzini che non hanno più di 16 anni e che impennano tra le macchine in fila. Bambine di nemmeno 16 anni che guidano motorini 150. Impennate, sgommate, motorini che corrono e quasi si sfiorano. Auto che sgommano nel traffico. Il tutto sotto l'occhio vigile di una pattuglia della polizia stradale e dei carabinieri che si trovano anch'essi incolonnati nel traffico. Io li guardo, mi fanno pena. Sono impotenti, hanno quasi paura. Non possono fare nulla.. Decine di motorini a destra e sinistra della pattuglia che senza casco ed incuranti delle "forze dell'ordine" continuano a fare confusione.

La scena paradossale: passa una motocicletta di grossa cilindrata con tre, ripeto TRE persone a bordo.. si ferma all'altezza del finestrino della volante (una volante che ha i lampeggianti spenti… quasi per passare inosservata…)… l'agente guarda il ragazzo alla guida… il ragazzo alla guida risponde: "che hai da guardare… con tanta gente guardi proprio me?" e noncurante parte in impennata appena si crea qualche metro libero. L'anarchia continua.. c'è una macchina con 5 ragazze dentro, la macchina è davanti la pattuglia.. la ragazzina al volante si diverte a frenare.. poi a partire sgommando.. stereo a tutto volume… e niente.. la polizia.. dietro.. impassibile.. gli agenti quasi ridono.. forse vorrebbero piangere. Addirittura arrivati all'incrocio, la pattuglia deve frenare di botto perchè un'auto arrivata a folle velocità da una stradina parallela cerca di passare prepotentemente.. fregandosene degli agenti ai quali ha appena tagliato la strada.

Queste solo alcune delle migliaia di situazioni assurde viste nel giro di un'ora.. imbottigliato in quel CAOS totale.

Come è possibile che nessuno interviene? Polizia, Carabinieri sono impassibili.. quasi hanno paura di intervenire. Se solo i vigili avessero voluto fare una multa simbolica per ogni trasgressore le casse comunali sarebbero stracolme.

Come è possibile che io, con la cintura, la patente nella tasca e bollo ed assicurazione pagati mi sentivo fuori luogo?!? Possibile che il mondo vada alla rovescia? Non dovrebbero essere i cattivi a nascondersi? Sono davvero perplesso…

Questo è il controllo della città promesso? Fa quasi sorridere il gruppetto di vigili visti almeno mezz'ora prima all'incrocio di via dei Tribunali.. 8 vigili in una strada deserta…

  • http://www.overlordonline.net/ Overlord

    Guarda io per questo tipo di persone, sarò estremista ma penso che l’unica alternativa sia il manganello. Tipo l’imbecille della moto affianco alla pattuglia secondo te non smetteva di fare l’imbecille se il carabiniere usciva dalla macchina gli rompeva la testa e poi lo arrestava per oltraggio a pubblico ufficiale? e poi pure sti carabinieri dentro a sta marmaglia e mai possibile che si esce con una sola volante e due persone dentro??

  • http://www.darkbyte.it Darkbyte

    Peccato, peccato veramente. I Napoletani sono conosciuti in tutto il mondo per la simpatia, Napoli potrebbe essere una delle città più belle; peccato ci sia certa gente a rovinarla. Peccato davvero. Io adoro la tua città, ci sono stato già 4 volte, ma ora che arriva l’estate ho paura a tornarci, da quel ke sto sentendo ai TG. Queste baby-gang che sono capaci di accoltellarti per un lettore mp3 o una macchina fotografica…

  • federico

    salve….
    Napoli bisogna viverla e conoscerla tutta e in tutte le sue sfaccettature. Non è certo una sorpresa che vi siano codeste aree di degrado atavico: a Napoli, basta girare un angolo e ti ritrovi in una realtà diversa. Bisogna quindi, a mio parere, comprendere le motivazioni sociali, politiche e storiche che hanno dato alla città tali caratteristiche. Napoli e Genova, peraltro due città simili, sono le sole due città in Italia ad avere nei loro centri storici i bassi, dimore site a fronte strada, nelle quali le persone vivono, si abbrutiscono e divengono generalmente pericolose per la società sana. Però esistono! Non si può pensare di cancellare retaggi centenari, bisogna comprendere e, se possibile, dialogare ed aiutare queste persone bisognose di cultura e di arricchimento sostanziale e spirituale.
    Saluti da Palinuro…Federico

  • http://www.darkbyte.it Darkbyte

    Hai dimenticato di citare Taranto ;)